Sono Moreno Sartori (1975) vivo in Italia, sono sposato ed ho una figlia di 11 anni. Sono disabile dalla nascita e la mia ricerca spirituale inizia intorno ai 17 anni.

A 22 anni, dopo aver seguito corsi di formazione anglosassone ed dopo aver affiancato per due anni l’esperto italiano Aldo La Spina nelle problematiche di comportamento del cane, comincio a svolgere il lavoro di consulente per la risoluzione dei problemi comportamentali del cane.

Intorno ai 30 anni mi accosto per la prima volta alla filosofia buddhista come autodidatta e comincio a trovare risposte alla domande che mi tormentano. Nel 2010 capisco di aver bisogno di un maestro, riconoscendo l’enorme estensione degli insegnamenti buddhisti. Apprendo sempre più concetti fondamentali attraverso l’ascolto di file audio di Lama Michel Rimpoce trovati nel web, lo incontro nel 2011, anno in cui con lui prendo rifugio (impegno formale da parte del maestro di prendersi cura dell’allievo e da parte dell’allievo di seguire quanto il maestro propone).

Da quel momento in poi, oltre ad applicare per me stesso ciò che ho imparato, comincio portare il buddhismo nel mio lavoro, abbinandolo al Reiki, per il quale ho ricevuto due iniziazioni di Chawang NgalSo Reiki da Lama Gangchen Rimpoce e due iniziazioni di Reiki tradizionale Usui.

Nel 2014 seguo un corso di telepatia improntato sulla comunicazione con gli animali, trovandolo per certi aspetti carente, decido di unirlo ad alcune tecniche di meditazione che ho imparato, riscontrando la grande efficacia che questo ha nella ricerca delle cause delle problematiche che assillano i cani che arrivano da me per trovare un aiuto.
Nel 2015, in accordo con Lama Michel Rimpoce, strutturo il percorso che chiamo “Mind to Mind”, attraverso il quale condivido con chiunque lo desideri ciò che io stesso ho sperimentato, ovvero l’uso della comunicazione sottile, che non transita né dalla verbalità né dalla gestualità del corpo. Processo basato semplicemente su ciò che tutti facciamo più o meno consapevolmente, ossia mandare messaggi in forma di energia dalla nostra mente a quella del nostro interlocutore.