Scegliere il cane ideale per la famiglia

Scegliere il cane giusto per la famiglia, significa trascorrere 10 anni e anche più, con il miglior compagno di vita possibile

Cani per la Famiglia
Questi saranno gli argomenti che verranno sviluppati punto per punto, per aiutarti a scegliere il cane giusto per la Famiglia. Il mio consiglio è di soffermarti su ognuno di essi, con la massima attenzione, ma se lo desideri, puoi prendere in considerazione anche solo quelli che ritieni più interessanti. Scegliere il cane migliore per bambini e genitori, é un percorso importante, che va fatto nel migliore dei modi. Seguiamo insieme il percorso, per prendere le decisioni migliori.
1- La scelta è importante e richiede tempo
2- Il cane vive tra 10- 15 anni
3- Dove andare a prendere il cane
4- Quali informazioni devi ottenere
5- Razza vs carattere dell’individuo
6- Come posso andare nella direzione giusta

1- La scelta del cane ideale per la famiglia, è importante e richiede tempo

Questo è uno degli aspetti più difficili da digerire. Infatti, nella scelta del nostro compagno di vita peloso, ci piacerebbe semplicemente farci guidare dall’istinto o come si dice dalla pancia. Questo però, potrebbe un grosso rischio.
Attenzione all’emotività

È facile, fìn troppo, innamorarsi di un cane, soprattutto se cucciolo.  A volte anche le foto che troviamo sulle varie pagine Facebook delle associazioni che si occupano di adozioni, ci indurrebbero a portarne a casa con noi più di uno.

Come dicevo però,  queste scelte possono rivelarsi assolutamente azzardate. Soprattutto se pensiamo al cane ideale per la nostra famiglia.

Anche se potenzialmente molto rapide, dal momento che hanno una carica importante di impulsività, è meglio non farle!

La prospettiva più sana, è quella di cercare di valutare tutti gli aspetti legati alle nostre esigenze. Soprattutto alla nostra disponibilità, nel poter far fronte alle esigenze dell’animale che vogliamo inserire nella nostra famiglia.

Pertanto, predisporre la nostra mente al fatto che questa scelta richiederà del tempo, ci toglierà già da una prima parte delle situazioni a rischio, nelle quali potremmo poi trovarci.

Il secondo aspetto importante da tenere in considerazione, riguarda la durata della vita del cane.

2- Il cane vive almeno 10- 15 anni

Sempre sull’onda dell’emotività, potremmo pensare di prendere con noi un cane, senza considerare dove saremo o cosa staremo facendo, tra 10 o 15 anni. La scelta del cane ideale per la famiglia, dovrebbe essere una benedizione. Immagina cosa può accadere, se ti trovi a convivere per 1/8 della tua vita con un individuo che non sopporti!
Le condizioni possono cambiare nel tempo

Eh sì, possiamo pensare che ora, abbiamo le forze per gestire un cane particolarmente vivace, ma se siamo già un po’ avanti con l’età, questa può rivelarsi una scelta non particolarmente azzeccata.

Non solo, ma se per il momento, non abbiamo un compagno o una compagna, non sono previsti figli o particolari spostamenti lavorativi, potremmo anche avere le giuste condizioni per prendere con noi un cane.

Ma se le cose dovessero cambiare?  Saremo ancora in grado di gestire adeguatamente il nostro compagno di vita?

So che è una domanda scomoda, ma prima ancora di stabilire quale tipologia di cane, possa andare bene in famiglia, dovrò essere certo di poter offrire le condizioni corrette per gestione dell’animale.

Una volta, che in tutta sincerità abbiamo preso in considerazione anche questo punto, possiamo passare a quello successivo.

3- Dove andare a prendere il cane

Dove andare a prendere il cane ideale per la famiglia? Oggi, le opzioni sono tantissime, addirittura paragonabili ad un acquisto su Amazon. Sì, può sembrare che io l’abbia sparata grossa, ma non ne sono del tutto convinto!
Il cane non è un pacco!

È sufficiente andare su un sito o su una pagina Facebook di un’associazione che si occupa di affidi e scegliere attraverso una fotografia.

L’angioletto peloso che ci piace di più, è pronto per essere recapitato tramite staffetta.

Questo si chiama acquisto a scatola chiusa! Può funzionare piuttosto bene con gli acquisti su Amazon, ma è una strategia tutt’altro che buona, se riguarda la scelta di un cane. Soprattutto perché vivrà con noi per una buona fetta della nostra vita.

Possiamo allora pensare, che sia un’opzione valida, acquistare il cane in un negozio.

Pensiamoci bene! Apparentemente può sembrarci un acquisto sicuro, perché dovremmo avere la garanzia del negozio. Attenzione, perché non è proprio così! La provenienza del cucciolo potrebbe essere dubbia. Questa potrebbe comportare problemi di salute e condizionare, in modo significativo, la qualità della nostra vita e di quella del nostro animale.

Quindi, cosa rimane?

4- Il canile o l’allevamento!

Partiamo dal canile. Se ti è sembrato di cogliere contrarietà da parte mia nell’adozione di un compagno a quattro zampe, non volevo trasmettere questo. Trovo che sia estremamente bello decidere di adottare un individuo non particolarmente fortunato, tuttavia ritengo che questa scelta debba essere fatta con criterio.
Scegliere il cane dal canile

La strategia migliore è recarsi in canile, osservare i musi pelosi, individuarne almeno tre e cominciare a conoscerli. Cosa significa cominciare a conoscerli?

Vuol dire cominciare ad interagire con loro all’interno della struttura. In seguito, senza avere fretta, portarli a fare qualche breve passeggiata. In questo modo, condividerai momenti di vita concreti con loro, scoprendo come affrontano le diverse situazioni. Con tutte le cautele, potrai lentamente, inserire anche gli altri membri della famiglia. E nel processo di conoscenza graduale, osservando con attenzione, sarai in grado di vedere punti di debolezza, nonché di forza del cane in questione.

Così conoscerai  davvero l’animale, prima di decidere se portarlo a casa con te.

Qualora il canile in questione, non accettasse questa condizione, ti ricordo che non ce n‘è uno solo. Alcuni, offrono addirittura l’opportunità di tenere a casa il cane per il fine settimana. Proprio per dare l’opportunità al futuro adottante, di conoscere meglio l’animale.

È un tuo pieno diritto conoscere il cane con cui vuoi passare il resto della sua vita e di conseguenza una parte significativa della tua.

Quindi, se la struttura alla quale ti appoggi, non si rende disponibile, cambia, significa che non è quella giusta!

Scegliere il cane in allevamento

La scelta, potrebbe anche ricadere su un cane da allevamento.

In linea di massima, gli allevatori seri e offrono delle garanzie nella selezione degli animali che allevano. Pertanto, una volta che avrai stabilito quale razza sia più adatta al tuo stile di vita, sarai un po’ più al sicuro. Tuttavia, non dimenticare che è nel pieno interesse dell’allevatore vendere.

Non sono molti quelli che, una volta conosciuta la persona o la famiglia, consigliano di non acquistare un loro cane.

Ma, un allevatore consapevole delle caratteristiche di razza, sarà quello, che se non riconosce le condizioni di vita ideali per il suo cane o lo ritiene inadatto alla famiglia, ne sconsiglierà caldamente l’acquisto.

Anche in questo caso, ti esorto ad investire un po’ di tempo, per leggere le recensioni relative all’allevamento in questione.

Oggi sono facilmente reperibili in Internet e ti danno l’opportunità di valutare la serietà dell’allevatore al quale intendi rivolgerti.
Se sei orientato verso queste razze, in questi allevamenti ho piena fiducia:

Miniature Schnauzer di Francesca Larghi www.whiteking.it/

Chinese Crested Dog di Valeria Milanesi https://www.dakotarose.it/

Levrieri Afgani di Emanuela Nucci https://www.viserys.it/

Collie di Alberto Celestini https://www.shirawood.it/

4- Quali informazioni devi ottenere

Che tu ti rivolga ad un canile o ad un allevamento, ci sono delle informazioni davvero molto importanti che dovresti avere. Che si tratti di un cucciolo o di un cane adulto, credo sia importate vederle insieme.
Scegliere il cucciolo

Come scegliere il cucciolo ideale per la famiglia?

Se parliamo di un cucciolo, è fondamentale sapere fino a che età è stato con la madre i fratellini/sorelline.

Questa informazione, ti permetterà di comprendere se le prime fasi di socializzazione sono state portate a termine nel modo corretto.

Un cucciolo staccato prematuramente dalla mamma, nonché  dai fratellini/sorelline, tenderà ad essere carente dal punto di vista degli auto controlli. Risulterà quindi poco adatto alla vita in famiglia, a meno che non si vada ad intraprendere un percorso educativo studiato su misura.

L’età ideale di svezzamento dalla madre è di poco superiore al mese, successivamente, è però necessario che il cucciolo rimanga all’interno della cucciolata, almeno fino al 70-90 giorni.

Vedere di persona la madre ed il resto della cucciolata, è un’ottima cosa. Ti permette di avere un’idea di massima dal carattere dei cani imparentati con quello che ti interessa. Se non è possibile vedere questi individui, cerca almeno di reperire qualche informazione su di loro. Una mossa indispensabile, oltre che un tuo diritto!

La mancanza di questo tipo di informazione, deve essere considerata un campanello d’allarme importante.

Scegliere il cane adulto

Nel caso del cane adulto, soprattutto in canile, potrebbe non essere facile reperire informazioni utili sul periodo di vita precedente.

Purtroppo non sempre ci si può fidare al 100% delle storie che vengono raccontate, perché spesso sono frutto di fantasie finalizzate ad una rapida adozione.

La strategia migliore, in questo caso, è quella che ti ho descritto nel punto precedente.

5- Razza vs carattere dell’individuo

Questo, è un altro aspetto estremamente importante, che non devi dimenticare! Per quanto le caratteristiche di razza, portino un cane ad avere un suo preciso range di comportamenti, non devi dimenticare che stiamo comunque parlando di esseri viventi.
Rilevanza genetica e ambientale

La discendenza genetica, influisce sul comportamento del cane all’incirca per un 30%, il restante 70% è imputabile ad esperienze acquisite nella vita dell’animale.

Non è inusuale, all’interno di una stessa cucciolata, trovare due fratellini o due sorelline, con caratteri diametralmente opposti.

Se dovessi quindi mettere sul piatto della bilancia, da una parte la razza, dall’altra il carattere dell’individuo, il secondo peserebbe sicuramente di più.

Anche in questo frangente, l’osservazione diretta dell’animale, può essere la chiave giusta.

Personalmente, se dovessi vedere un cane eccessivamente espansivo ed uno eccessivamente diffidente, la mia scelta non ricadrebbe né su uno, né sull’altro. Cercherei potenzialmente un individuo si collochi più o meno nel mezzo.

6- Come posso andare nella direzione giusta

L’esperienza personale e quella professionale

In questo articolo, ti ho fornito elementi per poter effettuare una scelta fai-da-te, senza andare incontro a particolari rischi.

Tuttavia, senza nulla togliere alle tue competenze, potresti non avere una visione così ampia ed attenta, che ti permetta di cogliere tutte le sfumature di cui hai bisogno.

Anche se sono molti anni che hai cani, questo non fa di te un esperto. Tanti comportamenti, che vengono ritenuti corretti dalla maggior parte dei proprietari, spesso non lo sono. La ragione per cui accade questo, è insita nel fatto che si tende a prendere come riferimento, il comportamento da sempre esternato dal cane che abbiamo avuto.

… e con l’aiuto di un professionista!

Per poter affermare che siamo di fronte ad un comportamento davvero normale, dobbiamo in realtà aver costruito la nostra esperienza, su un cospicuo numero di individui appartenenti a quella razza.

Se per esempio, ti stai accingendo a prendere un pastore tedesco e ne hai già avuti altri, avrai già qualche idea. Ripenserai sicuramente alle caratteristiche dei cani con cui hai vissuto. E, di fatto, alle condizioni ambientali che hai offerto loro. Proprio per questo motivo, alcuni comportamenti, che potrebbero sembrarti caratteristici della razza, sono di fatto derivanti da abitudini che tu hai costruito nel tempo. Non però specifici della tipologia di razza.

Se hai già un buon livello di convinzione, nel voler prendere questo o l’altro cane, potresti fare un piccolo investimento richiedere l’intervento di una persona con competenze specifiche. Questo può davvero metterti al sicuro.

Investi ancora un po’ del tuo tempo
Come posso scegliere un professionista che mi aiuti a trovare il cane ideale per la famiglia? Ancora una volta, ti esorto a spendere qualche minuto del tuo tempo nel reperire informazioni sulla figura alla quale ti rivolgi. Oggi, educatori cinofili e simili, spuntano come funghi in una buona parte delle aree cani. Come tutti i settori, affidarsi semplicemente a chi ha una buona parlantina, sa vendersi bene, ma non ha alle spalle un background esperienziale di un certo peso, può rivelarsi una scelta sbagliata. Rivolgersi a qualcuno, che già da diversi anni è nel settore, può essere un buon inizio, anche solo per l’esperienza maturata. Sui social network e in generale in Internet, puoi reperire informazioni utili. Ti consiglio tuttavia di cercare anche un riscontro diretto, almeno telefonico. E, se puoi, parla con qualcuno che abbia avuto un contatto diretto con la persona alla quale intendi rivolgerti. Ti consiglio intanto, di leggere questo. Spero tu abbia trovato utile questo articolo se vorrai lasciare un commento, te ne sarò grato.

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *